Torna la «Fuga da New York», per colpa delle tasse

È il massimo esodo americano del primo decennio, scrive il New York Post, che parla di «rifugiati del fisco»

 

WASHINGTON – «Fuga da Manhattan» fu il titolo di un film degli anni Ottanta con l’attore Kurt Russell. Dipinse una città di fuorilegge, da cui l’eroe salvò degli innocenti rischiando la propria vita. Una finzione. Ma secondo il New York Post, oggi la fuga da Manhattan, e dalla vicina, più tranquilla Brooklyn, è una realtà. Non è però la violenza, la criminalità a causarla, bensì il fisco. A partire dal 2000, oltre un milione di persone hanno lasciato New York e i sobborghi per pagare meno tasse, oltre un milione e mezzo se si include il resto dello Stato. È il massimo esodo americano del primo decennio, scrive il giornale, che parla di «rifugiati del fisco».
 
OAS_AD('Bottom1');
BLOOMBERG - L’inverso degli anni Sessanta, quando la popolazione si spostava dal Sud al Nord. Per Manhattan, la città di ricchi per antonomasia, è un salasso finanziario, lamenta il New York Post. Gli abitanti che se ne sono andati avevano un reddito medio di 92 mila dollari annui, mentre i nuovi venuti, che sono in numero molto inferiore, ne hanno uno di 72 mila dollari. Se si somma l’effetto del «crack» di Wall Street del 2008 e della attuale recessione economica sui bilanci familiari, si capisce perché le casse della Grande Mela si stiano svuotando. Solo nel biennio 2006 – 2007, calcola l’Empire center, lo stato di New York ha perso 4 miliardi e mezzo di dollari. Manhattan e Brooklyn dovranno stringere le cinghia per parecchio tempo: la dolce vita newyorchese rischia di diventare amara. Stando all’Empire center, che ha esaminato i dati del censimento e del fisco, alla fuga ha contribuito il trauma della strage delle Torri gemelle del 2001. Ma prima ancora che alla ricerca di una città meno esposta al terrorismo, i rifugiati della Grande Mela sono andati alla ricerca di un mezzo paradiso fiscale: quasi 300 mila si sono spostati in quegli stati del Sud e dell’Ovest, la Virginia e il Nevada ad esempio, dove si pagano soltanto le tasse federali, non anche quelle statali. E’ una delle ragioni per cui i prezzi delle case a Manhattan sono molto diminuiti. Il sindaco Mike Bloomberg sperava di rifarsi quest’anno con le tasse sulle grandi banche, che hanno registrato enormi profitti. Speranza vana: grazie alle perdite dell’anno scorso, le banche verseranno al fisco poco o nulla.
 
Fonte: www.corriere.it 

 

qUEM SOMOS

A comunidade ítalo-brasileira é notória pela atuação diferenciada nos mais diversos setores. Italianos e seus descendentes fazem opinião e têm importante poder de decisão por aqui. A revista ComunitàItaliana é a mídia nascida em março de 1994 como ligação entre Itália e Brasil. Traz os assuntos mais relevantes para os dois países, une modernidade e bom gosto para atender a um público que faz a diferença na sociedade. Mensal, com projeto gráfico e editorial modernos, conteúdo diversificado e entrevistas exclusivas com personalidades, esta revista fundada pelo jornalista e executivo Pietro Petraglia junto a intelectuais e personalidades de diversos segmentos é única no mercado editorial.

Últimos Twittes

comunitaitalia O belíssimo Duomo di Firenze para encantar sua noite! Buona serata! Conheça a maior mídia ítalo-brasileira,... https://t.co/KbvGroAsgk
6hreplyretweet
comunitaitalia Em Roma, os editores Andrea Santurbano, Fábio Pierangeli, Patricia Peterle, responsáveis pelo Mosaico Italiano,... https://t.co/UoFvgMV4J2
12hreplyretweet
comunitaitalia Um almoço em Castel Gandolfo, que fica na região metropolitana de Roma! A comuna é conhecida por abrigar o... https://t.co/q1iLou5QHY
12hreplyretweet

Facebook